LA BOCA, Buenos Aires

LA BOCA, Buenos Aires
Nel 1882 un gruppo di genovesi residenti a Buenos Aires inviò un documento al Re d’Italia nel quale affermavano di aver costituito la Republica Independiente de La Boca. Il Presidente argentino Roca reagì immediatamente ordinando di ammainare la bandiera genovese che era stata issata dal gruppo di sovversivi italiani. Oggi lungo il viale che conduce a La Boca è possibile vedere un cartello che ricorda quell’evento”. (Cit.) Oggi il quartiere di case basse in legno e lamiere colorate attira moltissimi turisti tutti igiorni dell’anno tra 10 e le 18 le viuzze di ciottoli si animano di bancarelle e piccoli ristoranti. Ma se si riesce ad arrivare di mattina presto, si può godere degli angolini più originali in tranquillità…
Immancabile la visita allo stadio del BOCA JUNIOR dove Diego Armando #Maradona gioco nell’81. Lo stadio  – anche detto La Bombonera –  ha una capienza di appena 50.000  e per statuto e per ragioni do sicurezza, è riservato esclusivamente ai tifosi del Boca.
La squadra vanta il primato di aver sempre giocato nella prima divisione già dalla sua fondazione, ben 114 anni fa.

Francesca Braghetta

I grew up in Italy between Liguria and Sardinia, by sea, but I lived in London for three years where I was a Fine Art student at Central Saint Martins - College of Art and Design. When I returned to Rome I graduated in Comics and Illustration for children, and worked as a graphic designer and freelance photographer for few years. I love outdoor sports: snowboard is my favourite. I like writing and taking photographs, and in 2013 I started this travel blog. I have always been a curiosus person and I love travelling: I have visited 22 countries so far! I speak 3 languages fluently and I'm currently studying Chinese: 大家好!我叫晨光。I use a good old Canon 5D...