COSA METTO NEL BAGAGLIO?

Oltre ai vestiti, ecco il mio elenco personale di oggetti di uso comune da portare sempre in viaggio. Questi sono i miei travel hacks, magari non ci avete mai pensato.

MOSCHETTONI

Moschettoni e cavi a strozzo

Considerate oltre allo spazio “interno” allo zaino, tutto quello che potere attaccarci sopra. Andrete in giro con un pò di cose ciondolanti, ma saranno ben salde! I moschettoni servono a agganciate tutte quelle cose con un LOOP o un passante (i.e. ciabatte bagnate, scarpe puzzolenti, sacchetti di plastica etc.). Le fascette sono più leggere, economiche ma usa-e-getta. Con queste potete assicurare allo zaino qualsiasi cosa in maniera ben salda. Per rimuoverla basterà un piccolo coltellino svizzero. (Ah, portare SEMPRE un coltellino svizzero!)

 

 

Cellophane sui tappi

CELLOPHANE

Mettete del cellophane tra la bottiglia e il tappo dei prodotti liquidi (shampoo, creme, dentifrici…) che imbarcate nel bagaglio, così eviterete che si aprano e facciano uscire il prodotto tra i vestiti! Oppure utilizzate delle bottiglie di plastica con tappo ad avvitamento. Potete riciclare le piccole bottiglie di plastica. Considerate di portare dei prodotti biodegradabili per questo viaggio. Ce ne sono diversi in commercio, dall’erboristeria al supermercato…Questo è solo un consiglio etico. In barca ad esempio io li uso spesso, per non inquinare al mio passaggio.

 

UN PONCHO

Io ho preso quello di Decathlon nel reparto bambini che è più corto. Perchè quando piove nei paesi caldi l’ultima cosa che vorrete è essere coperti di plastica fino alle caviglie! L’importante è essere coperti “sopra” e sopratutto proteggere lo zaino. Questo è il mio preferito: quando è steso e sbottonato è molto ampio e all’occorrenza fa da telo-copri-cose e lo porterò sempre con me in barca. Il K-way è un buon antivento e anti schizzi…ma non è altrettanto stagno!

 

IL BUCATO

Un 2-3mt di spago e 2 mollette. Sia per il bucato, per appendere una zanzariera o per legare qualcosa. Può sempre servire! Le clip da ufficio? Servono da extra-mollette, utili ganci, appendini…e all’occorrenza per SCASSINARE qualche lucchetto!!!

LEGACCI

“Laccetti stringi-busta-del-pane (non so come altro chiamarli), la mia casa ne è piena, li conservo e li uso in viaggio per legare cavi e lacci.

SALVIETTE UMIDIFICATE: QUALI?

Meglio più confezioni piccole che una grande: sono più pratiche, comode da portare nello zainetto da escursioni, ma soprattutto perchè la chiusura adesiva “resiste” solo una settimana al massimo! Io faccio TUTTO con quelle struccanti: hanno un profumo piu gradevole e non lasciano la pelle appiccicosa.

 

CUSCINO

In estate il cuscinetto gonfiabile ve lo regala pure la rivista di Frate Indovino. Non vi durerà certo anni ma per i viaggi avventurosi, le lunghe ore di attesa in areoporto, i trasferimenti in bus o giacigli di fortuna, vi può sempre servire!

 

ACCUMULATORE

Accumulatore per ricaricare il telefono, l’iPod o altre cose USB, mi raccomando che sia leggero. Se posso consigliarvi, tenetelo in una zip-bag per tenerlo sempre asciutto.

 

 

ORGANIZZATE LO SPAZIO

Borsette separa-indumenti, che siano di plastica, con la zip o la chiusuralampo, se volete evitare che nello zaino succeda un frullato di vestiti (sporchi, puliti, intimo e pantaloni), ma sopratutto per evitare di impazzire a cercare proprio quella maglietta, ORGANIZZATE bene il bagaglio. Io separo pantaloni/felpe. Magliette/pantaloncini. Intimo & costumi, Roba da bagno/doccia. Ma ognuno trova il suo metodo.

ZIP LOG

Zip-log, bustine riciudibili. Prendetene di diverso formato: ci mettete i soldi, il cellulare…e tutte quelle cose che meglio non si bagnino. Staremo spesso in barca e esposti agli elementi, tra cui IL SUDORE!!! Non si sa mai.

Calzini spaiati

 

 

CALZINI SPAIATI

Questa è la mia scatola dei calzini “spaiati”, ne accumulo ogni anno in grande quantità, spesso quando vado a fare un check si ri-accoppiano!  Ma quelli che rimangono singoli li porto in viaggio con me, sono i miei calzini USA & GETTA. Non amo buttare le cose quindi questo per me è un ottimo modo di riciclare. Lo stesso faccio con magliette di cui voglio liberarmi. Le uso 1 giorno e le “abbandono” o le regalo. Mi perdonerete se andrò in giro tipo una stracciona!

MAGLIA TERMICA o COSTUME DA BAGNO 

Come regola, nei viaggi verso paesi caldi porto sempre una maglia termica e in quelli al freddo un costume da bagno. Perchè può capitare una notte nel deserto o sulla spiaggia e il freddo la notte si fa sentire. Se non si è preparati può essere fastidioso. Anche nei viaggi al freddo potrebbe capitare una sauna, un bagno turco…o perchè no, una piscina riscaldata! Sono indumenti spesso in lycra e che non ingombrano troppo, dunque perchè rischiare?!

Scarpe da scoglio

SCARPE DA SCOGLIO

Quanto sono brutte queste…?! Ma se farete snorkeling in viaggio considerate che i fondali sono pieni di coralli, e per quanto siate bravi a nuotare, vi consiglio di non farvi il bagno senza. Da Decathlon le più economiche costano meno di 5€. Le compro ogni anno e poi le lascio nell’ultimo posto dove mi servono. Di solito le regalo a qualche ragazza o bambino del posto che le userà per farsi il bagno senza tagliarsi.

Se farete gite tra atolli dove si raggiungono le islolette a nuoto, questo è l’unico modo per passare da acqua a terra senza farsi male. Io le ho usate anche per dei piccoli trekking sugli scogli o per camminare nelle grotte marine, hanno un’ottima presa.

 

Doppia presa senza terra

Tra cellulare, macchina fotografica e altri apparecchi, ognuno ha sempre da ricaricare più di una cosa. Io porto sempre una doppia presa da cui ho fatto segare via la “terra” (perno centrale) pressochè INESISTENTE nei paesi sgarupati che visito e dove il 90% usa prese SIEMENS. Questa magari ci balla un pochino dentro, ma ha funzionato nella stra-grande maggioranza dei paesi che ho visitato. Per quelli con prese ASSURDE (tipo in Namibia), inutile cercare su internet, conviene sempre comprare gli adattatori dai locali.

 

 

 

Snack di emergenza

Da Ikea come al Supermercato, troverete delle mini confezioni di frutta secca. Questi sacchetti contengono zuccheri, proteine, (sali) vitamine e tantissima energia, e possono sostituire all’occorrenza una colazione. Li porto sempre con me durante i trekking e li mangiucchio poco per volta senza appesantirmi dosando il mio fabbisogno.

 

Per finire, RICICLATE qualsiasi contenitore per tenere in ordine le cose!

Quando preparate lo zaino, bilanciate i pesi e pensate alle cose di cui avrete bisogno più spesso o di giorno in viaggio o alla sera in albergo (albergo…?! ahahahaha!!!).

 

Francesca Braghetta

I grew up in Italy between Liguria and Sardinia, by sea, but I lived in London for three years where I was a Fine Art student at Central Saint Martins – College of Art and Design. When I returned to Rome I graduated in Comics and Illustration for children, and worked as a graphic designer and freelance photographer for few years. I love outdoor sports: snowboard is my favourite. I like writing and taking photographs, and in 2013 I started this travel blog. I have always been a curiosus person and I love travelling: I have visited 22 countries so far! I speak 3 languages fluently and I’m currently studying Chinese: 大家好!我叫晨光。I use a good old Canon 5D…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *