TÀTUATI!

Verso la fine dell’800, uno degli elementi di riferimento maggiori per “studiare” il comportamento delle persone si basasse, in un periodo in cui la disciplina della psicanalisi iniziava a muovere i suoi primi passi, prettamente su elementi di natura esterna, come la forma del cranio, l’anatomia del volto e così via.

Questo ha portato quindi alla conclusione che il tatuaggio stesso costituisse uno degli elementi caratterizzanti di eventuali “devianze”. Esso era quindi preso sempre e comunque come segno di perdizione, sia morale che fisica. (cit)

L’Uomo Delinquente

Il tatuaggio riemerge dall’ombra nella seconda metà del XIX secolo, con la pubblicazione, nel 1876, del saggio L’uomo delinquente di Cesare Lombroso. Egli mette in stretta correlazione il tatuaggio e la degenerazione morale innata del delinquente: il segno tatuato è fra quelle anomalie anatomiche in grado di far riconoscere il tipo antropologico del delinquente. Il delinquente nato mostra specifiche caratteristiche antropologiche che lo avvicinano agli animali e agli uomini primitivi e l’atto di tatuarsi di criminali recidivi è sintomo di una regressione allo stato primitivo e selvatico. L’uomo delinquente però è anche un catalogo approfondito di tutte le tipologie di tatuaggio che potevano essere reperite all’epoca: il saggio è ricco di descrizioni di tatuaggi e delle storie degli uomini che li portano, soldati ma soprattutto detenuti, criminali e disertori, fornendo così un ampio squarcio sulle usanze del tempo. Lombroso cataloga i tatuaggi in segno d’amore (iniziali, cuori, versi); simboli di guerra (date, armi, stemmi); segni legati al mestiere (strumenti di lavoro, strumenti musicali) animali (serpenti, cavalli, uccelli); tatuaggi di soggetto religioso (croci, Cristi, Madonne, Santi). In seguito alla diffusione delle teorie di Cesare Lombroso, il tatuaggio subisce un’ulteriore censura ed è per questo che, contrariamente ad altri paesi occidentali, non nascono studi e botteghe professionali fino alla fine degli anni ’70. Per questi scienziati quindi, che si basavano su elementi esterni e avulsi dalla psicologia vera e propria della persona presa in considerazione, il corpo esterna l’interiorità in maniera automatica ed evidente. Per un determinato periodo il tatuaggio è stato quindi un tema di grande interesse per la criminologia; ha rappresentato ciò che per la psicanalisi è stata l’isteria, ed ha avuto una notevole fortuna sul piano scientifico per poi essere abbandonato con il passare del tempo.

©FrancescaBraghetta

Un corpo su cui prendere appunti da ricordare.

International Tattoo Expo Roma 2016

Il codice civile

Lo stesso art. 5 del Codice Civile, in una norma di portata generale risalente al 1943 e mai emendata, recita testualmente: “Gli atti di disposizione del proprio corpo sono vietati quando cagionino una diminuzione permanente delle integrità fisica o quando siano altrimenti contrari alla legge, all’ordine pubblico o al buon costume”. Posto che il tatuaggio non ha come fine la diminuzione permanente dell’integrità fisica ma piuttosto l’ornamento del corpo, né è vietato da alcuna disposizione di Legge, è da intendersi pertanto attività generalmente lecita. Nonostante ciò, ancora oggi i bandi di concorsi pubblici relativi a taluni settori del pubblico impiego (per esempio nelle forze dell’ordine) potrebbero indicare quale motivo d’inidoneità la presenza di tatuaggi non occultabili dalla uniforme, deturpanti ovvero ritenuti dalla Commissione Medica incaricata di valutare l’idoneità dei candidati indice di personalità “abnorme”.

Un fenomeno sociale

Oggi il tatuaggio viene accettato e studiato come fenomeno sociale. Recentemente è nata anche la “psicologia del tatuaggio” col fine di studiare il carattere delle persone in base ai segni impressi in modo indelebile sulla loro pelle. Di fatto un disegno sulla pelle, che si è ben consapevoli che rimarrà per la vita (salvo poi decidere di eliminarlo con le tecniche moderne), sicuramente comunica qualcosa di sé, della propria personalità, di un evento che è stato o è ancora significativo nella propria esistenza. La scelta di dove farsi il tatuaggio, come anche il soggetto da imprimere sulla pelle, non è casuale. Secondo gli psicologi che studiano la psicologia dei tatuaggi, la persona che sceglie di farsi un disegno indelebile nella parte destra del corpo è aperta, solare, realistica; mentre chi si fa tatuare nella parte sinistra del corpo è una persona con poca stima di sé, pessimista, insicura. La persona che si fa tatuare sulle gambe è infantile e impulsiva; mentre chi sceglie la caviglia dimostra carattere combattivo nel caso sia un uomo e gelosia nel caso sia una donna. Prediligere le braccia denota un periodo di vita in fase di maturazione e maggiore consapevolezza di sé al contrario invece di chi sceglie di tatuarsi sul tronco, che dimostra così di avere un carattere forte e deciso. Tatuarsi nelle zone genitali assume un significato erotico e sensuale, in particolare per le donne.

I disegni, cosa simboleggiano

Importante è anche che tipo di soggetto si decide di imprimere per sempre sulla propria pelle. Solitamente le donne preferiscono soggetti piccoli come farfalle, fiori, delfini, luna, sole, stelle, ecc., mentre gli uomini scelgono maggiormente animali che denotano grande forza come leoni, draghi, oppure guerrieri, vichinghi, disegni celtici, anche in formato piuttosto grande rispetto alle dimensioni predilette dalle donne, come a voler acquisire la forza e il potere del soggetto impresso sulla pelle. Soggetti che invece piacciono sia agli uomini che alle donne sono temi astratti come i disegni tribali. Chi sceglie il tatuaggio tribale è una persona che vuole mettere in risalto la propria individualità rispetto alla massa. Alcuni si fanno imprimere sulla pelle frasi particolarmente significative (anche intere poesie) che diventano un motto per la vita; altri scelgono gli ideogrammi giapponesi. Chi sceglie di tatuarsi scritte in giapponese o poesie in varie lingue è un esteta ed ha un gusto raffinato. La motivazione a farsi un tatuaggio cambia con l’età e con il tempo. Un adolescente ad esempio può scegliere di farlo per affermare la propria personalità; un adulto invece potrebbe decidere di farlo per ricordare qualcosa, qualcuno o una fase importante e significativa della propria vita (ad esempio, molti si fanno tatuare il nome dei propri figli). Di fatto farsi tatuare può essere doloroso, soprattutto rispetto alla sensibilità della zona del corpo scelta: ciò per alcuni rappresenta una prova di coraggio che dà maggior valenza al soggetto tatuato. Le occasioni che spingono a scegliere di farsi un tatuaggio possono essere le più disparate. Abbiamo detto ad esempio: la nascita di un figlio, ma anche l’inizio o la fine di un amore, il diciottesimo compleanno, la data del matrimonio, ecc. Di solito comunque i giovani si sentono orgogliosi di avere un tatuaggio ed utilizzano il proprio corpo come qualcosa che serve a comunicare con gli altri, come un vessillo di se stessi da mostrare. (cit. Elisabetta Rotriquenz Tatoo Mania)

In Giappone

rif. Pintrest

In Giappone dove la cultura del tatuaggio ha radici storiche, la pratica è sfortunatamente associata ai membri della mafia locale: la Yakuza. Per questo motivo in alcuni locali pubbilci in cui ci si sveste (i.e. Onsen, sale massaggi etc. ) il cliente tatuato non è ammesso. E’ stato necessario scomodare l’Ente del Turismo per chiedere agli operatori maggiore tolleranza verso gli occidentali, ai quali di solito offerti cerotti per coprire gli sgraditi tatuaggi.

 

ALBUN FOTOGRAFICO: TATOO

Francesca Braghetta

I grew up in Italy between Liguria and Sardinia, by sea, but I lived in London for three years where I was a Fine Art student at Central Saint Martins - College of Art and Design. When I returned to Rome I graduated in Comics and Illustration for children, and worked as a graphic designer and freelance photographer for few years. I love outdoor sports: snowboard is my favourite. I like writing and taking photographs, and in 2013 I started this travel blog. I have always been a curiosus person and I love travelling: I have visited 22 countries so far! I speak 3 languages fluently and I'm currently studying Chinese: 大家好!我叫晨光。I use a good old Canon 5D...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *